News


Un’efficace filtrazione nei sistemi di VMC migliora la vita! Le accortezze da adottare dalla progettazione alla manutenzione

  • Un’efficace filtrazione nei sistemi di VMC migliora la vita! Le accortezze da adottare dalla progettazione alla manutenzione

17 Settembre 2018

Per il 90% della nostra vita respiriamo aria che passa attraverso impianti di ventilazione. Quanto è importante che quest’aria venga filtrata, prima di arrivare ai nostri polmoni? Scopriamolo in questo articolo

Sapete che chi vive nei Paesi maggiormente sviluppati dal punto di vista economico e tecnologico trascorre fino al 90% del proprio tempo in ambienti confinati?

E avete mai pensato che l’aria che respiriamo per il 90% della nostra vita è quella che passa attraverso impianti di ventilazione (in uffici, fabbriche, scuole, negozi e centri commerciali, luoghi di divertimento, automobili e altri mezzi di trasporto, abitazioni)?

Sapete che gli edifici di più recente costruzione, per raggiungere livelli di efficienza energetica e di comfort termico ed acustico elevati, devono avere necessariamente involucri edilizi privi di infiltrazioni? Che si tratti di infiltrazioni di acqua, di aria o di rumore, negli ultimi anni si è cercato, con tutti i mezzi messi a disposizione dalla tecnica, di ridurle o addirittura di eliminarle del tutto.

Negli edifici cosiddetti “passivi” è persino necessario effettuare prove sul campo per verificarne l’impermeabilità all’infiltrazione involontaria di aria esterna.

Da tutto ciò consegue che, in edifici ad alta efficienza, l’aria presente in ambiente transiti quasi totalmente attraverso un sistema di ventilazione.

Tutti noi sappiamo, e gli organismi internazionali che vigilano sulla nostra salute lo ribadiscono continuamente, che l’aria esterna, soprattutto nelle aree a forte urbanizzazione come l’Italia, contiene livelli di inquinanti di gran lunga superiori alle soglie di tolleranza. Il mito che l’aria esterna sia sempre e comunque migliore di quella interna è definitivamente tramontato.

Per tutti questi motivi un’adeguata filtrazione dell’aria immessa tramite un sistema di VMC è assolutamente indispensabile. E una buona filtrazione comincia dalla progettazione.

 

1 – La progettazione di un sistema di filtrazione dell’aria tramite impianto VMC

Le norme più recenti in materia ci dicono come scegliere il grado di filtrazione che è necessario prevedere in base alla qualità media dell’aria esterna e alla qualità dell’aria interna che si desidera ottenere. Le norme più recenti, eloquenti ed esaustive sono:

  • ISO 16814:2008: Progettazione degli ambienti confinati – Qualità dell’aria interna – Metodi per esprimere la qualità dell’aria interna (IAQ) per un’occupazione umana;
  • UNI EN 16798-3:2018: Prestazione energetica degli edifici - Ventilazione per gli edifici - Parte 3: edifici non residenziali - Requisiti prestazionali per i sistemi di ventilazione e di condizionamento degli ambienti);
  • ISO 16890-1:2017: nuova classificazione dei filtri, che permette di scegliere quelli più adatti alle differenti tipologie di polveri che si desidera vengano trattenute (Filtri d'aria per ventilazione generale - Parte 1: Specifiche tecniche, requisiti e sistema di classificazione dell'efficienza basato sul particolato (ePM)).

 

Esempio: la filtrazione di un impianto VMC in un edificio della Pianura Padana

A titolo di esempio, una buona filtrazione per un impianto VMC in un edificio in Pianura Padana, che garantisca una buona qualità dell’aria interna, dovrebbe prevedere un doppio stadio di filtrazione, con un pre-filtro grossolano seguito da un filtro fine con arrestanza Pm1 50% - Pm2,5 65% - Pm10 85%.

 

2 – La manutenzione dei filtri delle unità ventilanti

Dopo aver curato la parte progettuale, riveste importanza decisiva la parte manutentiva. Con l’entrata in vigore dei regolamenti europei Ecodesign, viene fatto obbligo ai costruttori di dotare le unità ventilanti di sistemi di segnalazione della necessità di sostituzione dei filtri, basati su timer che contano le ore di lavoro dell’unità oppure su pressostati differenziali che verificano la perdita di carico dei sistemi filtranti.

Gli utenti e i manutentori non hanno più scuse per ricordare di sostituire i filtri!

Una manutenzione corretta dei filtri comporta diversi benefici: riduce i consumi elettrici delle ventilanti; preserva le stesse e le reti di condotti dallo sporcarsi; allunga i tempi di manutenzione e, soprattutto migliora la qualità dell’aria. Un filtro che ha superato il livello di polveri trattenute consigliato spesso è un filtro che invece di ripulire l’aria esterna, la sporca!

 

Insomma, in conclusione possiamo dire che i soldi spesi in filtri per sistemi VMC sono soldi ben spesi!

© 2021 - Tecnica 7 - Tutti i diritti riservati - C.F. / P. IVA 00736740135
Iscrizione CCIAA di Lecco REA 161120 - Capitale sociale € 80.000,00 interamente versato

Società del Gruppo:

VMC Group

Nuovi recapiti per contattarci:

phone